Pasqua in Sardegna 2015

 

L’arrivo della Pasqua in Sardegna si accompagna alle celebrazioni religiose che rivelano le profonde interconnessioni della Sardegna con la cultura e il folclore spagnoli.

I Riti della Settimana Santa in Sardegna che accompagnano la Pasuqa sono le manifestazioni di carattere religioso che festeggiano la resurrezione di Cristo e riproducono gli eventi che la precedono.

Sono organizzati dalle varie confraternite e ripetono gli antichi riti introdotti principalmente durante la dominazione spagnola.

I principali momenti della Settimana Santa sono: la Domenica delle Palme,  l’allestimento dei “Sepolcri” (sos Sepurcros), la processione del Cristo morto (Venerdì Santo) e la processione de s’Incontru, la mattina di Pasqua.

La Processione dei Misteri è sicuramente l’evento più suggestivo da seguire (la data e le modalità possono variare da paese a paese). 

L’altra cerimonia molto suggestiva della Settimana di Pasqua in Sardegna è S’Incontru, ossia l’incontro fra il Cristo Risorto e la Madonna, attraverso il ricongiungimento delle loro statue con due processioni che partono da angoli diversi della città.

La Pasqua in Sardegna significa anche, e soprattutto, ritorno della bella stagione. Si può godere delle spiagge più belle in completa libertà, concedendosi lunghe passeggiate non interrotte da folle di bagnanti.

E poichè la tradizione della Pasqua in Sardegna si compie soprattutto a tavola, per il pranzo di Pasqua non possono mancare piatti tipici come il coccoi ‘e Pasca, ossiail pane pasquale con l’uovo sodo.

L’Hotel Baia di Nora sarà chiuso per la Pasqua 2015, aprirà il 24 aprile 2015 per i ponti di Primavera.