Le spiagge del Sud Sardegna

Parlando di Sardegna la prima cosa che viene in mente è il mare e le spiagge, e diciamolo, il  Nord è quello più conosciuto e passateci il termine “inflazionato”. Ma per sfatare questo falso mito oggi vi portiamo a visitare quelle che nel Sud Sardegna sono le spiagge più suggestive. Vi convinceremo che le coste sarde hanno un comune denominatore: tutte vi fanno sentire in PARADISO!

Iniziamo il nostro tour virtuale da Su Giudeu il cui nome parrebbe derivi dal polpo che localmente viene chiamato Pruppu Giudeu e che come un ebreo attaccato ai suoi averi, rimarrebbe ben aggrappato alle rocce. Dalla spiaggia  è possibile raggiungere a piedi, soprattutto nei giorni di bassa marea, l’isolotto  omonimo che dà il nome alla spiaggia. Saliti in “vetta” potrete ammirare l’immenso campo dunare che, pensate un po’, si è formato durante l’ultima glaciazione, quando fortissimi venti freddi soffiavano sulla nostra isola. La sabbia bianca e sottile e le acque cristalline non hanno niente da invidiare alle più rinomate spiagge caraibiche.

Ci spostiamo poco più a sud, e troviamo la piccola Cala Cipolla, che di piccolo ha solo la sua estensione. Provate ad affacciarvi tra i ginepri che la cingono e a non esclamare “Grandiosa!” Il suo nome potrebbe derivare dalla sua forma, ad ampolla o a cipolla, ma potrebbe anche essere dovuto alla sua antica  denominazione, Portu Simoni Xibudda, che a quanto dicono fu un uomo qui naufragato ai primi del Novecento. La breve passeggiata che si è obbligati a fare per accedervi, non scoraggia gli innumerevoli bagnanti, e per poter prendere posto è conveniente arrivarci molto presto o nella bassa stagione. Provate a concedervi qualche ora all’ombra dei secolari ginepri e poi raccontateci dove vi portano i pensieri. 

Procedendo verso sud, troviamo quella che consideriamo una delle perle della Sardegna. Parliamo di Tuerredda. Prende il nome dall’isola antistante, e alla quale si deve la particolare conformazione a doppio arco della spiaggia. La sabbia finissima e bianca ricopre un’area di circa 450 metri e tutto l’arenile è contornato dalla vegetazione tipica del mediterraneo. Nei mesi meno caldi le mimose fiorite, i giunchi e i ginepri ne fanno un angolo di paradiso. Noi vi suggeriamo una visita e auspicabile sosta nei mesi di giugno e settembre, vista la presa d’assalto durante i mesi più caldi.

Ultima tappa, ma solo perché abbiamo voluto iniziare con un piccolo assaggio, è la spiaggia di Piscinnì, il cui nome è dovuto alla torre di avvistamento spagnola che sovrasta il promontorio limitrofo di Capo di Piscinnì. La spiaggia è scarsamente frequentata, anche durante l’alta stagione perché priva di servizi, ma è meta ideale per gli amanti del surf, e delle immersioni e per chiunque ami prendere il sole in un ambiente incontaminato e selvaggio in totale relax. Una particolarità di questa piccola spiaggia si può ammirare solo nei mesi primaverili in cui l’arenile è fruito da una “allargata” famiglia di mucche dotate di un’ancestrale furbizia, vengono qui per godere della brezza marina e di un angolo di pace che solo qui possono trovare.

Foto di  emmequadro61 – Tuaredda beach, Sardinia, Italy, CC BY 2.0,

https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=21118456